TARANTO DENUNCIA ACCIAIERIE D’ITALIA

I firmatari del presente documento, siano esse persone fisiche o giuridiche, sottoscrivono il testo che segue, facendone loro il contenuto (in uno ai suoi allegati) che è, e sarà, parte integrante della denuncia-querela denominata “Taranto denuncia Acciaierie d’Italia”, che verrà depositata il 13 dicembre 2021 presso la Procura della Repubblica di Taranto, cui verrà chiesto, tra l’altro:

di voler disporre gli opportuni accertamenti in ordine ai fatti esposti in narrativa e nei relativi allegati, al fine di valutare la esistenza di profili di illiceità e di individuare i possibili responsabili e le eventuali responsabilità degli enti ex D.lgs. 231/2001, in virtù della attuale e gravissima situazione di emergenza ambientale e sanitaria nella città di Taranto

di procedere, qualora i fatti esposti integrino reato e/o responsabilità degli enti ex D.lgs. 231/2001, nei confronti dei loro autori, in relazione alla conduzione degli impianti dello stabilimento Acciaierie d’Italia di Taranto perché, anche in esecuzione di un medesimo disegno criminoso ed, eventualmente, in concorso tra loro, sversano e/o, comunque, consentono e/o non impediscono che giungano in atmosfera enormi quantità di emissioni diffuse, fuggitive, non convogliate, nocive e contenenti, anche, inquinanti come pcb, ipa, metalli pesanti, diossine e furani: inquinanti e sostanze nocive per la salute umana, animale e vegetale che determinano un gravissimo pericolo per la salute pubblica e provocano eventi di malattia e morte nella popolazione residente a Taranto, in particolare nei quartieri vicino lo stabilimento Acciaierie d’Italia, provocando, inoltre l’avvelenamento delle acque e delle sostanze alimentari”.

Alla denuncia saranno allegati documenti, media, studi scientifici che dimostrano gli eventi emissivi anomali e il danno sanitario ed ambientale correlati al ciclo produttivo dell’impianto siderurgico gestito da Acciaierie d’Italia.

    Per sottoscrivere la denuncia è obbligatorio compilare tutti i campi, successivamente clicca sul tasto SOTTOSCRIVI acconsentendo così al trattamento dei tuoi dati che saranno utilizzati solo per la finalità qui descritta nel rispetto delle norme in vigore in merito alla tutela della privacy.

    Ai sensi del D.lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali), e del GDPR (Regolamento UE 2016/679), General Data Protection Regulation ossia “Regolamento generale sulla protezione dei dati”

    La informo che:

    • I dati spontaneamente forniti per la sottoscrizione della denuncia “Taranto denuncia Acciaierie d’Italia”, verranno trattati nel rispetto delle suddette norme ed esclusivamente per le finalità dichiarate, e cioè la sottoscrizione della denuncia;
    • Il trattamento sarà effettuato per mezzo di moduli cartacei ed di moduli digitali pubblicati sul sito web tarantolibera.it;
    • Tutti i dati forniti non saranno comunicati ad altri soggetti quali enti o associazioni e non saranno utilizzati per fini o scopi di marketing pubblicitario;
    • Il titolare del trattamento è Luciano Manna, nonché proprietario del sito web tarantolibera.it;
    • Il trattamento dei dati avrà luogo presso i luoghi precedentemente comunicati per la raccolta dei dati sui moduli cartacei e sul sito web tarantolibera.it, di conseguenza questi potranno essere archiviati e trattati su strumenti e dispositivi informatici (Personal Computer, PenDrive USB e qualsiasi strumento preposto per i servizi digitali);
    • I dati raccolti saranno conservati e successivamente depositati, sia quelli su moduli cartacei che quelli digitali su CD/DVD, alla Procura della Repubblica di Taranto come allegati alla denuncia.

    Luogo e date della raccolta firme

    Piazza Immacolata sabato 4 dicembre dalle 18.30 20.30 e domenica 5 dicembre dalle 9 alle 12

    sabato 11 e domenica 12 in luogo e orario che sarà comunicato successivamente

    La denuncia sarà depositata lunedì 13 dicembre, il giorno di Santa Lucia